Friday, August 5, 2011

Tour di Londra

Con la cadenza di due settimane, ho sempre qualcuno che viene a Londra per visitare la Capitale.
C'e` chi viene per la prima volta, chi ci ritorna dopo secoli, chi torna periodicamente. Chi viene a trovare la sottoscritta (si` ci sono anche questi casi!), chi incontri (dopo anni, come un blogger di vecchia data ).
Ovviamente Agosto e` pieno ovunque di turisti e da buona Londoner acquisita devo dire che la mia tolleranza raggiunge livelli abbastanza bassi. Passare per Piccadilly Circus o Trafalgar equivale ad un'insofferenza totale, sbuffi e processi mentali che includono frasi del tipo "muoviti" "ho fretta" "perche' ho deciso di passare di qua". Si` lo so, pazienza zero. Si` lo so, sono turista anche io, a volte. Anyway...

C'e` da dire che ogni volta vedo Londra con occhi diversi e da prospettive diverse, anche se ieri accompagnando per l'ennesima volta qualcuno, quando mi sono state poste domande su storia e contenuti di alcuni palazzi sono rimasta senza risposte. Si` lo ammetto mi sono sentita ignorante, ma nel senso che ignora, come dicevano Aldo, Giovanni e Giacomo. Come quando vivevo a Siena o a Verona, passando davanti a luoghi storici o a rovine, davo tutto per scontato, passandoci davanti centinaia di volte. Lo stesso faccio qui.
E mi rendo conto ogni giorno di quanto ami questa citta`, le sue parti piu` nascoste o quelle meno turistiche. Non passa weekend (libero) senza andare in East London o a sdraiarmi a Primrose Hill (anche se questa e` effettivamente piu` turistica), un pomeriggio al mio pub sul fiume vicino a casa a sorseggiare Pimms con la city di fronte a me, i docks vicino a casa, la mia panchina sul fiume con vista Canary Wharf.

Amo questa citta` e quando vedo che qualcuno non riesce ad entrare nel suo spirito un pochino mi ferisce, come se non riuscissi a "spiegarla". E` una strana sensazione. Come lo spiegare che gli inglesi ubriachi il venerdi sera sono parte "dell'arredamento", come la gente che corre in metropolitana, come quando esce il sole tutto cambia volto e tutti sono felici, come se fosse un evento eccezionale (in effetti lo e`).

Londra con altri occhi, Londra per chi non ci e` mai vissuto, Londra non quella delle guide. Londra delle lacrime e delle sofferenze, Londra non da cartolina insomma...


2 comments:

  1. Londra, non ci sono parole per descrivere quanto ami questa città!

    ReplyDelete