Monday, May 23, 2011

At work

Senza cattiveria alcuna, ma quello che ho imparato dal mio lavoro di receptionist e` che devi cercare di capire il tipo di persona che hai davanti, le sue richieste, il suo modo di fare e il suo background. Viene da solo il fatto che bisogna adattare il tono di voce a chi non e` abituato al modo di parlare italiano o spagnolo.
Insomma pazienza infinita, nel mio caso che di pazienza ne ho veramente poca.
Si fa particolarmente fatica con, senza offesa alcuna, coloro che vengono da Singapore.
Meticolosi, estremamente attenti al dettaglio, puntigliosi. Certo a questa loro meticolosita` e attanzione si deve la loro fortuna in campo economico e finaziario, ma quando si e` dall'altra parte del bancone spesso si fa fatica. Le mezz'ore o le ore a discutere o cercare di spiegare le caratteristiche di una stanza che e` diversa da cio` che pensavano di avere prenotato, le esigenze che purtroppo in una grande citta` con milioni di abitanti e` difficile soddisfare. Spesso ripeti la stessa cosa per quindici volte e niente, non viene recepito. Ho anche tentato di dire "la pasta scuoce se rimane sul fuoco a lungo" e sono convinta che non l'avrebbero sentito comunque, perche` davvero, molti non ti ascoltano nemmeno, vogliono solo ottenere cio` che vogliono.

Ho "piallato" notevoli lati del mio carattere, imparando quando stare zitta anche quando mi stanno sbraitando contro perche` la "camera non ha una visuale" (e per forza, siamo in pieno centro di Londinium!) e per i piu` svariati motivi. Ho imparato a trattenere le lacrime quando arabi e sceicchi ti trattano come un pezzo di straccio. C'e` anche da dire che ci sono persone gentilissime che ti ringraziano con cioccolatini, fiori, lettere e pensieri o solo sorrisi.

A volte quando specialmente sono giu` di morale, penso che ci sia un motivo per cui mi sia "capitato" questo lavoro...


1 comment:

  1. finalmente trovo il tuo blog! Ti consiglio di mettere un link dal tuo avatar al tuo blog altrimenti è impossibile per chiunque rintracciarti, a meno che tu non lasci un commento, allora il link si visualizza (ho seguito le tue tracce da thegirlwiththesuitcase :P!) Detto questo...immagino che sia pazzesco assecondare le manie di decine e decine di persone, per giunta in una posizione che non permette grossi margini di reazione...anche io ho dovuto buttare giù (spessissimo) il rospo: ma io sono una che si siede sulla sponda del fiume...non so se mi spiego!!! ;)

    ReplyDelete